Maggio 27, 2024

Le motivazioni per le quali sarebbe bene smettere di fumare sono tantissime, ma sappiamo molto bene quanto sia difficile e complicato riuscire a farlo.

In questo caso, non bisogna pensare che sia tutto perduto, perché non è così; al giorno d’oggi possono venire in aiuto delle validissime alternative alle sigarette tradizionali; passare alle sigarette elettroniche è assolutamente una di queste.

I modelli e le caratteristiche delle sigarette elettroniche sono completamente diversi tra loro e la scelta si dimostra davvero ampia; se vuoi saperne di più sull’argomento, clicca qui.

Come passare alle e-cig

Che tu sia un fumatore incallito, un fumatore del week end, o sei tra quelli che non possono evitare la boccata dopo il caffè, sicuramente sai già che il fumo fa male. Lo dice persino il pacchetto stesso.

Quando non si ha nessuna voglia di rinunciare o diversamente non si riesce a farlo, passare alla sigaretta elettronica può assolutamente aiutare a limitare i danni causati dal fumo.

Le e-cigar non hanno combustione; questo dato è estremamente significativo, perché la combustione è diretta responsabile della formazione di sostanze dannose per la salute e cancerogene come gli idrocarburi e il catrame.

Venendo a mancare questa reazione l’impatto sulla salute e sulle possibili reazioni del corpo sono decisamente limitati; i dati scientifici parlano addirittura del 95 per cento in meno di rischio. Considerando che, in medicina, il rischio pari a zero non esiste.

La sigaretta elettronica è un dispositivo che può essere utilizzato in molti luoghi dove invece è vietato fumare, riuscendo così a placare la voglia irrefrenabile nelle persone che hanno una dipendenza dalla nicotina, evitando ad esempio il recupero di molte sigarette dopo una pausa obbligata.

La sigaretta elettronica è una validissima alternativa nel caso in cui si voglia intraprendere la strada di smettere di fumare; il passaggio alle e-cigar può essere graduale e misurato per le necessità di ogni persona in quanto c’è la possibilità di scegliere la quantità di nicotina nelle ricariche.

Passare ad una sigaretta elettronica dà indiscutibilmente diversi vantaggi sia sulla salute che sulla routine delle persone.

Come funziona una sigaretta elettronica

Il funzionamento della sigaretta elettronica è abbastanza semplice; è un dispositivo elettronico dotato di batterie. Sono presenti poi, delle ricariche sotto forma liquida che vengono inserite.

Al suo interno avviene un’atomizzazione; questa, producendo calore che va a scaldare il liquido, lo trasforma in vapore.

Il vapore viene poi convogliato nella sigaretta in modo che venga svapato; il termine svapare, che ormai è molto noto ed utilizzato da tutti, deriva proprio da questo. Non si tratta infatti fumo, e non viene inalato nel naso; questo significa che non influisce nemmeno sulla capacità di percepire sapori e profumi.

Di sigarette elettroniche ne esistono davvero tantissimi tipi, si può però fare una macro-distinzione tra sigarette elettroniche con liquido e quelle senza liquido.

Cosa c’è all’interno di una sigaretta elettronica: le ricariche

Quello che a tutti gli effetti si andrà ad inalare è la ricarica liquida che si utilizza.

Tutte le ricariche liquide sono costituite da diversi ingredienti che sono: acqua, glicol propilenico, glicerolo, aromatizzanti e nicotina in diverse quantità.

Le quantità di nicotina differenziano di molto le ricariche; si può avere una concentrazione alta, media, bassa o completamente assente. Quando le ricariche contengono nicotina se ne trovano in commercio con dei valori di riferimento che vanno da un minimo di 6 mg ad un massimo di 24 mg.

Per quanto riguarda gli aromatizzanti, ci si può assolutamente sbizzarrire. Si trovano gusti per tutti, da quelli classici con l’inconfondibile sapore di tabacco a quelli esotici ai frutti tropicali, senza tralasciare i gusti un pò più delicati e meno strani come, ad esempio, il cioccolato o la vaniglia.

Anche se non sono disponibili studi che assicurino l’assoluta innocuità delle sigarette elettroniche, e questo perché è necessario del tempo per poter effettuare studi a lungo termine, è ovvio che il passaggio dalle sigarette tradizionali a quelle elettroniche porti a diversi benefici.

La salute, prima di tutto, perché le conseguenze del fumo di sigaretta sono ormai tristemente note. L’assenza di combustione dà alle sigarette elettroniche quell’evidente spinta a considerarle molto meno dannose.

Inoltre, la dipendenza da nicotina a volte può giocare brutti scherzi e, anche nelle le persone più convinte, può far vacillare; passando alle sigarette elettroniche il passaggio può essere lento e graduale non sottoponendo il corpo e la persone ad un ulteriore stress.

Infine ricordiamoci che acquistare un prodotto di qualità, dà la sicurezza di avere certezza dei componenti che introduciamo nel corpo e della totale integrità del prodotto; proprio per questi motivi, è consigliato affidarsi a professionisti del settore come l’azienda Terpy.